Spazi aperti, vera accoglienza e vacanze sicure in Trentino

Vacanze sicure in Val di Fiemme

Per un soggiorno sereno e senza preoccupazioni

Da sempre, natura e accoglienza fanno del Trentino la destinazione ideale per ritrovare equilibrio e benessere in ogni stagione. Anche durante il bianco inverno.
Qui ti aspettano 227 impianti di risalita, più di 6.000 km di sentieri, oltre 146 rifugi di montagna e ben 1.000 alberi per abitante! Insomma, gli spazi aperti non mancano ed è anche per questo motivo che in Trentino è più facile trascorrere un soggiorno sereno.

Abbiamo lavorato con impegno e serietà durante molti mesi, per garantire la sicurezza di tutti e perché vogliamo che il tuo ritorno in Trentino, quando sarà possibile, possa essere un momento dedicato al benessere tuo e delle persone a cui vuoi bene. Grazie all’applicazione di protocolli precisi e puntuali, atti a ridurre i rischi e rivolti a garantire la salute di tutti, il Trentino vuole essere un luogo in cui sentirsi al sicuro, nel rispetto delle regole.

Non appena sarà il momento, noi saremo qui, pronti ad accoglierti, all’aperto o in hotel, nei rifugi delle montagne, nei luoghi di cultura traboccanti di novità, sui mezzi di trasporto o nei nostri migliori ristoranti e nelle nostre cantine. Ti aspettiamo, volenterosi di poterti dare, insieme all’accoglienza che abbiamo sempre saputo e voluto offrirti, anche la possibilità di una vacanza in cui rigenerarti, respirando a contatto con la natura e con chi ami di più.


Attenzione: a causa dell'attuale situazione in continua evoluzione, possono subentrare cambiamenti normativi improvvisi con conseguente allentamento o irrigidimento dei provvedimenti. Questa pagina e le relative sezioni verranno costantemente aggiornate.

Data ultimo aggiornamento: 6 aprile 2021

Vacanze sicure in Val di Fiemme

Ultimi aggiornamenti

In Trentino la situazione è sorvegliata dal lavoro costante di una task force dedicata. Da martedì 6 aprile 2021 il Trentino è in zona arancione, per tanto verranno limitati gli spostamenti.

Qui di seguito riepiloghiamo le principali misure attive nella nostra Provincia:

  • Da martedì 6 aprile il Trentino è in zona arancione e saranno limitati gli spostamenti possibili all'interno della provincia. Non sarà possibile muoversi verso le altre regioni e gli spostamenti consentiti sono quelli strettamente necessari, all'interno del proprio comune , salvo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Rimane possibile raggiungere la propria seconda casa anche se si proviene da altre regioni, ma sarà possibile farlo solo in compagnia del proprio nucleo famigliare. Chi raggiunge la seconda casa deve dimostrare di averne la proprietà o un altro diritto per utilizzarla, come un contratto di affitto lungo e registrato, già prima del 14 gennaio 2021.
  • Resta in vigore il limite degli spostamenti senza comprovata necessità, fra le ore 22 e le ore 5 del mattino su tutto il territorio. Durante il resto della giornata è possibile spostarsi verso una sola abitazione privata abitata, solo 1 volta al giorno, e nei limiti di due persone (più eventuali minori o persone che necessitano di accompagnamento) all'interno del proprio comune. Per chi vive in un comune con un numero di abitanti inferiore a 6.000, potrà muoversi entro una distanza non superiore ai 30 km, anche per far visita ad abitazione privata come prima descritto, ma evitando il capoluogo di Provincia.
  • È obbligatorio indossare la mascherina sia al chiuso che all'aperto e nelle vicinanze di persone che non appartengono al proprio nucleo convivente (vale anche per i viaggi in automobile e in abitazione privata). Rimangono esenti da questo obbligo i bambini sotto i 6 anni, anche se resta valido l'obbligo di indossare la mascherina a partire dai 3 anni su tutti i mezzi di trasporto e per tutta la durata del tragitto. Sono esenti dall'obbligo di utilizzo della mascherina anche i soggetti con patologie non compatibili con i dispositivi di protezione delle vie aeree e le persone che svolgono attività fisica in solitaria, fuori dai centri abitati e rispettando le distanze di sicurezza di almeno 2 metri dagli altri.
  • Le attività di ristorazione fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie sono attive fra le 5 e le 22 solo in modalità asporto di cibi e bevande. Dopo le ore 18 però è vietata quest'attività per i bar senza cucina (e altri esercizi simili) o per locai che fanno commercio di bevande al dettaglio. La consegna a domicilio è sempre consentita senza limiti di orario ma nel rispetto delle regole sul confezionamento e sulla consegna. La ristorazione è consentita senza limiti di orario solo all'interno delle strutture ricettive solo per i clienti alloggiati.
  • I mezzi pubblici di trasporto viaggiano al 50% della capienza consentita.
  • In Trentino è possibile muoversi anche al di fuori del proprio comune, dentro la distanza di 30 km, per effettuare attività sportiva di tipo individuale, all’aperto, indipendentemente dal numero di abitanti del proprio comune, sempre nel rispetto delle norme di distanziamento sociale .
  • Chiudono i musei e gli altri luoghi della cultura, ad eccezione di biblioteche ed archivi che erogano i propri servizi su prenotazione .
Vacanze sicure in Val di Fiemme

Chi può entrare in Trentino e come

  • Il Trentino rientra in Zona Arancione e diventano attive le restrizioni sugli spostamenti con i territori limitrofi, le altre regioni e internamente fra i comuni. Gli spostamenti liberi fra regioni sono vietati da DPCM fino al 30 aprile 2021. Sono però sempre possibili gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute, anche oltre l'orario di coprifuoco attivo fra le ore 22 e le 5 del mattino .
  • Fra le ore 5 e le 22 è possibile raggiungere la propria seconda casa (di proprietà o con contratto di affitto lungo) anche se si proviene da altre regioni, ma sarà possibile farlo solo in compagnia del proprio nucleo famigliare. 
  • Il nuovo DPCM regola gli spostamenti da/per l'estero fino al 30 aprile 2021: prevede l'obbligo di test molecolare o antigenico entro 48 ore dall’imbarco o dal valico del confine, per i viaggiatori provenienti o che abbiano soggiornato/transitato dai Paesi dell’Unione Europea e più correttamente quelli della lista C consultabile sul sito del Ministero degli affari esteri. È necessario avere con é anche il modulo ministeriale compilato, scaricabile in italiano e in inglese. Entrambi i moduli e ulteriori informazioni sono disponibili a questo link.
  • ​​Una volta in Trentino è necessario comunicare l'avvenuto ingresso in Italia al Dipartimento di Prevenzione dell'APSS di Trento, inviando un'email al seguente indirizzo segreteria.uoisp@apss.tn.it e allegando copia dell'autocertificazione compilata, documento d'identità e referto del test effettuato, anche in lingua originale.
  •  Per informazioni più esaustive, rimandiamo al sito Viaggiare Sicuri e alla compilazione del questionario interattivo che può aiutare nell’individuazione della propria posizione specifica.
  •  Per informazioni in merito all’effettuazione del tampone è possibile chiamare il Ministero della Salute ai seguenti numeri:
    dall’estero: +39 0232008345 - +39 0283905385
    dall’Italia: numero gratuito 1500
  •  In Trentino inoltre è stato istituito un numero verde 800 867 388 attivo da dalle 8 alle 18 dal lunedì al venerdì e dalle 8 alle 14 il sabato per le richieste sui provvedimenti in vigore, i protocolli, gli spostamenti e le procedure su tamponi, isolamenti e quarantene.
Vacanze Sicure