Vacanze Sicure

Grazie, Spelacchio - Lettera della Val di Fiemme

20/12/2017

Fa più rumore un albero spelacchiato…
di una foresta che cresce in silenzio.

LETTERA DELLA VAL DI FIEMME: GRAZIE, SPELACCHIO

Un albero è stato sbattuto in prima pagina. Ed è questa la buona notizia.

La triste fine di Spelacchio, alla vigilia di Natale, inaspettatamente punta i riflettori sulla natura. E sulla sua fragilità. Questo tam tam mediatico, carico di esilaranti sfottò, è l’evento più positivo e ben augurante che potevamo aspettarci. Per una volta un albero si fa largo fra i titoli e occupa spazi di primo piano su giornali e telegiornali.

La Val di Fiemme, grazie all’ente millenario della Magnifica Comunità di Fiemme che gestisce con oculatezza le sue foreste, vive e respira accanto alle rigogliose chiome di 60 milioni di alberi.

Non è il primo abete che parte dalla Val di Fiemme per raggiungere la piazza di una grande città. Questa è la prima volta, però, che un albero di questa valle trentina vive un trauma così forte. Ma la natura è proprio questo: un equilibrio “miracoloso”.

Spelacchio ha subito uno sbalzo termico notevole, passando dal clima rigido della Val di Fiemme al clima mite della Capitale. Inoltre, ha dovuto sopportare un lungo viaggio e complesse operazioni di allestimento.

Erroneamente è stato definito un larice, un pino, invece è un abete rosso. Non ha sofferto perché ha poche radici: non le ha. È stato tagliato, perché non si possono estirpare le radici di un albero così grande. Ma anche riuscendoci, servirebbe un vaso di proporzioni inaudite per contenerle.

Molti hanno detto che gli alberi di plastica sono più ecologici di quelli veri. Non è così, perché - secondo uno studio di Coldiretti - realizzare i cinque milioni di alberi finti, che vengono in media acquistati ogni anno, produce tanta CO2 quanto 6 milioni di km percorsi in auto. E molta altra CO2 viene prodotta per lo smaltimento, visto che sono rifiuti speciali.

Questo abete non finirà in discarica, ma potrà servire a creare tavoli, sedie, mobili o pavimenti che incorniceranno, gradevolmente, momenti lieti come il Natale. I suoi rami, forse, non hanno scaldato il cuore dei romani, ma potranno riscaldare le case attraverso una centrale a biomasse o i pellet per le stufe

Infine, c’è chi è ancora convinto che, tagliando un albero, si offenda la natura. Invece, gli abbattimenti ben gestiti preservano le foreste.

A evidenziare buona parte di queste fake news è stato Antonio Brunori, segretario generale dell’associazione italiana che certifica la gestione sostenibile delle foreste, la PEFC Italia.

È incredibile quante cose possa insegnare un albero. Una fra tutte: gli alberi vivono bene nel loro ambiente naturale. Basta osservarli nelle foreste della Val di Fiemme. E mettersi all’ascolto di quel rigoroso silenzio che accompagna fedelmente la loro lenta crescita.

Se volete scoprire la magia creata dagli equilibri della natura, tanto delicati quanto sorprendenti,

vi aspettiamo in Val di Fiemme.

 

Nel ringraziare Spelacchio, porgiamo a tutti voi un caro augurio di Buon Natale!

Azienda per il Turismo Val di Fiemme

 

05/08/2019

Val di Fiemme: la musica è salva! Un “grazie” in concerto

Il pianista Roberto Prosseda suonerà fra legni pronti a donare nuove melodie, giovedì 8 agosto, a Lago di Tesero. L’azienda Ciresa ringrazia così chi ha sostenuto il recupero degli abeti di risonanza abbattuti dalla tempesta in Val di Fiemme.
31/07/2019

10 cose… in Val di Fiemme

Dieci cose da vedere e da vivere in Val di Fiemme stanno facendo sognare amanti dei viaggi e turisti virtuali sul portale Sì Viaggia. Ecco come una valle trentina “issa la vela” per navigare sul web
17/06/2019

La Val di Fiemme ti porta in alto

Tutti i giorni da 15.06 al 16.09.2019. Qui trovi tutte le informazioni sulle aperture degli impianti incluse le aperture speciali di fine stagione.
17/05/2019

Predazzo, scateniamo un'altra Red Bull 400

Sabato 6 luglio 2019, tutti allo Stadio del Salto per l'evento più adrenalinico dell'estate. Torna la gara breve più ripida al mondo! La corsa estenuante, aperta a tutti, terminerà con l’Evening Party al Poldo Pub.
11/05/2019

Quel rosso trekking

Le escursioni della Val di Fiemme si tingono di fuoco,
fra tramonti dolomitici, foreste di abeti rossi e distese di rododendri.
26/04/2019

Il cammino del Cristo Pensante: 73 km in 3 giorni

Venerdì 8 luglio 2016, un trekking meditativo di 73 km partirà dal Santuario di Pietralba per arrivare, domenica 10 luglio, al Cristo pensante delle Dolomiti, sulla cima di Monte Castellazzo a Passo Rolle. Iscrizioni entro il 31 maggio.
21/02/2019

Val di Fiemme, il Dolomiti Food Jazz è un festival nel piatto

Dall’8 al 16 marzo 2019 il Dolomiti Ski Jazz si assaporerà anche a tavola, grazie alla seconda edizione della rassegna enogastronomica trentina Dolomiti Food Jazz. Ristoranti e rifugi della Val di Fiemme comporranno “piatti musicali” con le note aromatiche dei sapori della valle, dei vini trentini e Cembrani Doc, della Birra di Fiemme e di altre chicche chilometro zero.
21/02/2019

Val di Fiemme, scopri il programma e i protagonisti del Dolomiti Ski Jazz 2019

Dal 9 al 17 marzo 2019, fra gli oltre 60 artisti del 22° Dolomiti Ski Jazz spiccano musicisti di fama internazionale come Alex Sipiagin, Luca Boscagin, As Madalenas e Los Ernestos, Luigi Bonafede, Dawn Mitchell, Alessandro Lanzoni, Thomas Morgan, Eric McPherson, Pietro Tonolo, Roberto Bindoni, il Soon Trio, Giampaolo Casati, i Lost Boys e il sassofonista Simone Alessandrini apparso tra i migliori nuovi talenti del jazz italiano del 2018 nella top ten del referendum Top Jazz.