Val di Fiemme: la musica è salva! Un “grazie” in concerto

05/08/2019

"RINASCERE DALLA MUSICA", LA RICONOSCENZA IN CONCERTO

Sono stati salvati 3.000 abeti di risonanza, grazie al "prestito" ottenuto dall'azienda Ciresa con una campagna di raccolta fondi. Erano sepolti in Val di Fiemme fra gli alberi abbattuti dalla tempesta Vaia di fine ottobre. Rischiavano di deteriorarsi. Ora si trasformeranno in tavole armoniche per 35mila strumenti che libereranno le loro melodie in tutto il mondo. 

Dirà "grazie" a chi ha sostenuto il salvataggio un concerto di Roberto Prosseda giovedì 8 agosto, alle 18.00, a Lago di Tesero, fra le cataste degli alberi salvati.

Il maestro suonerà il Resonance Piano, il primo pianoforte al mondo che suona senza corde mandando in vibrazione una vera tavola armonica. Questo piano è stato ideato in Val di Fiemme proprio dal promotore della raccolta fondi che ha salvato gli alberi della musica: Fabio Ognibeni dell'azienda Ciresa.

Val di Fiemme - Le cataste saranno un teatro. I legni di risonanza accatastati nel piazzale Frade di Lago di Tesero si trasformeranno in un palcoscenico. Il pubblico si accomoderà su tronchi di abete rosso disposti in semicerchio.

Giovedì 8 agosto, alle 18.00, il concertoRinascere dalla musica” leverà le sue note proprio da un’arena di legno musicale pronto a donare nuove armonie. Il concerto, libero e gratuito, sarà intervallato dalla lettura di testimonianze e reazioni raccolte prima, durante e dopo la tempesta Vaia. In caso di pioggia il concerto, previsto a Lago di Tesero nel piazzale Frade, sarà ospitato dalla Sala Bavarese di Tesero.

Eseguirà brani di musica classica, con il Resonance Piano, il celebre maestro Roberto Prosseda, uno dei pianisti più attivi nella scena concertistica internazionale, vincitore di numerosi premi discografici e direttore artistico di Piano Experience, l’esposizione dedicata al pianoforte del Salone della Musica di Cremona.

Il Resonance Piano, l’unico pianoforte al mondo senza corde, è stato ideato da Fabio Ognibeni, amministratore della Ciresa Srl che produce in Val di Fiemme tavole armoniche, legno per liuteria e diffusori acustici naturali.

Con questo concerto l’azienda Ciresa vuole ringraziare le 870 persone che hanno risposto alla sua campagna di crowdfunding. Grazie a un appello mediatico di forte risonanza, l’azienda di Tesero ha ricevuto un prestito volontario di 230mila euro. La cospicua somma è servita a finanziare in parte il recupero degli alberi della musica travolti dalla tempesta Vaia di fine ottobre. Con questo anticipo, che l’azienda restituirà nei prossimi anni, in Val di Fiemme sono stati raccolti 2.000 metri cubi di legno, equivalenti a circa 3.000 alberi. Dopo il passaggio in segheria, la Ciresa potrà utilizzarne 1.600 metri cubi.

“Visto che per alcuni anni non saranno tagliati abeti nei boschi di Fiemme - spiega Fabio Ognibeni - abbiamo potuto raccogliere i legni necessari a produrre tavole armoniche nei prossimi 4-5 anni. Senza questo aiuto la nostra produzione si sarebbe arrestata. Fra 5 anni potremo tornare alla normalità perché speriamo che possano riprendere i tagli ordinari. Ci tengo a precisare che, grazie a questa risposta generosa, ho potuto pagare ogni tronco raccolto a prezzo pieno, senza speculare sui prezzi a ribasso”.

Con il legno di risonanza recuperato nasceranno in cinque anni circa 15mila pianoforti, 2.200 arpe da concerto e 18/20mila strumenti di liuteria. “È stato un enorme lavoro durato 9 mesi - racconta Ognibeni -. Non è stato facile cercare e selezione alberi rari nascosti in uno shanghai di centinaia di migliaia di tronchi abbattuti dal vento. Con questo concerto vogliamo ringraziare sia chi ha offerto un aiuto economico sia chi ha lavorato al nostro fianco, in particolare la segheria della Magnifica Comunità di Fiemme, le segherie Zanoner, La Primula e Fratelli Berti, i custodi forestali, i Comuni di Tesero e Predazzo e l’ApT Val di Fiemme”. 

Il legno raccolto da Ciresa, grazie alla solidarietà, al lavoro e alla sensibilità di molti, potrà diventare musica negli strumenti di tutto il mondo.

11/05/2019

Quel rosso trekking

Le escursioni della Val di Fiemme si tingono di fuoco,
fra tramonti dolomitici, foreste di abeti rossi e distese di rododendri.
26/04/2019

Il cammino del Cristo Pensante: 73 km in 3 giorni

Venerdì 8 luglio 2016, un trekking meditativo di 73 km partirà dal Santuario di Pietralba per arrivare, domenica 10 luglio, al Cristo pensante delle Dolomiti, sulla cima di Monte Castellazzo a Passo Rolle. Iscrizioni entro il 31 maggio.
21/02/2019

Val di Fiemme, il Dolomiti Food Jazz è un festival nel piatto

Dall’8 al 16 marzo 2019 il Dolomiti Ski Jazz si assaporerà anche a tavola, grazie alla seconda edizione della rassegna enogastronomica trentina Dolomiti Food Jazz. Ristoranti e rifugi della Val di Fiemme comporranno “piatti musicali” con le note aromatiche dei sapori della valle, dei vini trentini e Cembrani Doc, della Birra di Fiemme e di altre chicche chilometro zero.
21/02/2019

Val di Fiemme, scopri il programma e i protagonisti del Dolomiti Ski Jazz 2019

Dal 9 al 17 marzo 2019, fra gli oltre 60 artisti del 22° Dolomiti Ski Jazz spiccano musicisti di fama internazionale come Alex Sipiagin, Luca Boscagin, As Madalenas e Los Ernestos, Luigi Bonafede, Dawn Mitchell, Alessandro Lanzoni, Thomas Morgan, Eric McPherson, Pietro Tonolo, Roberto Bindoni, il Soon Trio, Giampaolo Casati, i Lost Boys e il sassofonista Simone Alessandrini apparso tra i migliori nuovi talenti del jazz italiano del 2018 nella top ten del referendum Top Jazz.