Dolomiti Ski Jazz

Una settimana ricca di concerti e divertimento sulle piste da sci e nei locali della Val di Fiemme !

Lo snowboard ai piedi e il jazz nelle orecchie: il Dolomiti Ski Jazz è l’inimitabile festival che trasporta la musica ‘nera’ nel bel mezzo dei panorami bianchi delle Dolomiti innevate. Dal 7 al 14 marzo salendo in alta quota nel comprensorio della Val di Fiemme con gli sci o lo snowboard ai piedi si potrà assistere ai concerti della diciottesima edizione del Dolomiti Ski Jazz, festival in cui la musica si lega profondamente al paesaggio alpino e agli sport invernali.

Particolarmente brillante sarà quest’anno la programmazione dei suggestivi concerti nei rifugi in alta quota, dove la musica live di qualità, con i suoi ritmi estroversi, farà da colonna sonora all’après-ski. Questi appuntamenti, tutti a ingresso gratuito, vedranno infatti la partecipazione di numerosi musicisti affermati a livello internazionale: il quartetto del chitarrista Randy Johnston, celebre membro della band di Lou Donaldson; la cantante Kicca, sostenuta dall’avvincente groove dei Licaones, una band che annovera due dei più celebri solisti del jazz italiano, il trombonista Mauro Ottolini e il sassofonista Francesco Bearzatti; i Blu Job, quartetto dall’originale ed elettrico sound; i Three Spirits, band dall’atipica strumentazione; il quartetto che affianca la voce di Sara Picone all’accompagnamento di Franco Testa, Giulio Corini e Stefano Pisetta. Il 7 marzo, inoltre, al Ciamp de le Strie, il Dolomiti Ski Jazz si unirà alla manifestazione "Happy Cheese": la musica dei Majazztic sarà nell’aria mentre si potranno degustare i formaggi genuini della Val di Fiemme e altri prodotti del territorio.

Piacevoli sorprese anche per chi seguirà il festival nei suoi sviluppi notturni, nei teatri della Val di Fiemme. Si partirà con una marcia alta sin dalla serata inaugurale, sabato 7 marzo, con il quartetto del sassofonista Wayne Escoffery: un dinamico e vigoroso aggiornamento dei moduli sonori dell’hard bop. Ulteriori presenze di jazz made in USA si avranno l’11 con il quartetto co-diretto dal trombettista Jack Walrath e il sassofonista baritono Gary Smulyan, impegnati a far rivivere le musiche del quartetto pianoless di Gerry Mulligan e Chet Baker, e il 14 con il quartetto del pianista Marcello Tonolo, nel quale il ruolo di solista è affidato al sax tenore dello special guest Chris Cheek.

info@dolomitiskijazz.com