CercaWebcamMeteoImpianti
Top

Al "Piz delle Agole" e la chiesetta di S. Leonardo

Cembra, Lisignago
Categoria
Difficoltà
Medio
Durata
4:45
in ore
Lunghezza
10.8
in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Percorso nei boschi di latifoglie in gran parte su strade lastricate e sterrate, con diversi punti di interesse naturalistico; molto gradevole nel suo sviluppo ad anello con modesti dislivelli.

L’itinerario permette di godere una splendida vista dal Piz delle Agole sulla Val di Cembra e di ammirare le caratteristiche baite in porfido e in legno lungo la strada. Merita il giro la bella panoramica sul gruppo Brenta e la visita alla chiesetta di San Leonardo.

Ulteriori informazioni e link utili

Ufficio Turistico Cembra - Tel. +39 0461 683110 - info@visitvaldicembra.it – www.visitvaldicembra.it  

Dati percorso
Medio
Lunghezza
10,8 km
Durata
4 h 45 min
Salita
660 m
Discesa
661 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
1.080 m
Punto più basso
455 m
Consiglio dell'autore

Tra i punti di interesse lungo il percorso segnaliamo il Piz delle Agole per la veduta panoramica e la chiesetta di San Leonardo con al suo interno i pregevoli affreschi quattrocenteschi. L'itinerario è molto consigliato in autunno per i bei colori offerti dai boschi di latifoglie. N.B.: la chiesa di San Leonardo è normalmente chiusa e viene aperta solo su preventiva richiesta all'ufficio informazioni.

Indicazioni sulla sicurezza

Grado di dif ficoltà secondo la simbologia comune: percorso EE (su sentieri e tracce)

Rischi o difficoltà presenti lungo il percorso: mancanza di segnaletica adeguata in un breve tratto nella zona del monte Speggia; c’è un muro di confine in sassi che indica la via corretta. Alcuni tratti di sentiero a scendere dopo la località Pernaia presentano un fondo poco gradevole, nel senso che sono presenti sassi e rami al suo interno, con tratti anche leggermente ripidi. Prestare attenzione !

 

LE 10 REGOLE PER GLI ESCURSIONISTI

  • Studiate e preparate bene il vostro itinerario
  • Scegliete un percorso adatto alla vostra condizione fisica
  • Portate vestiti ed attrezzatura idonei
  • Consultate il bollettino metereologico
  • Partire da soli è rischioso, portate con voi il cellulare
  • Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  • Se non siete sicuri, non esitate ad affidarvi ad un professionista
  • Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  • In caso di stanchezza o di problemi, non esitate a tornare sui vostri passi
  • In caso di incidente chiamate il numero 112

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Punto di partenza
Piazza di Lisignago (Comune di Cembra - Lisignago)
Indicazioni

Dal parcheggio si ritorna sulla Strada Statale della Val di Cembra e si sale sulla strada marcata SAT 416 per breve tratto (circa 10 metri), poi si gira subito a sinistra su strada asfaltata seguendo le indicazioni per Capanna Maderlina. La strada diventa sterrata poi lastricata in porfido. Pochi metri dopo il rio Gian ed a circa 2 km dalla partenza, si prende la mulattiera che sale a destra (la tabella indica Capanna Maderlina–Lago Santo).

Attraversato un rio tramite un bel ponte in legno in pochi minuti si confluisce sulla strada forestale, qui nuovamente lastricata, e si prosegue verso Nord fino alla strada asfaltata che porta al rifugio. Prima del rifugio, vale la pena soffermarsi a godere della vista sul Gruppo di Brenta; sono presenti anche dei punti sosta. Arrivati alla capanna Maderlina attraversare un parco giochi e imboccando un sentiero che porta in località Palù Poz, superiamo il bivio per il Lago Santo e proseguiamo verso Pernaia-Lisignago sulla strada n. 416, lungo la quale sono presenti numerose radure e caratteristiche baite in porfido e legno.

In corrispondenza del culmine del dosso, quando la strada comincia a scendere, prendiamo la trattorabile a sinistra (marcata con segnavia Piz delle Agole), superiamo un’ampia radura e proseguiamo su sentiero nel bosco misto di faggio e pino nero e, sempre su sentiero segnato con bolli bianchi e rossi, giungiamo al Piz delle Agole, suggestivo punto panoramico che si apre tra i pini silvestri sulla Valle di Cembra e sulle propaggini occidentali del Lagorai.

Ora, per scendere a Lisignago, si ritorna brevemente sul sentiero appena percorso e con indicazioni “Lisignago 1.00” su sentiero numero 416A, si comincia a scendere. Arrivati a “Pernaia” seguire sempre le indicazioni per Lisignago: ora la discesa diventa più tecnica in quanto il sentiero è sassoso, scomodo e a tratti un po’ ripido; ma niente paura che con una calzatura adatta non dovremmo avere problemi. Imboccato poi una sorta di canyon del bosco, ci ritroviamo sulla strada che ci riporta nell’abitato di Lisignago.

Dal parcheggio di partenza, si può proseguire la passeggiata e scendere sulla strada asfaltata fino all’antica chiesetta di San Leonardo, posta su un colle strapiombante sull’Avisio. Raggiunta la chiesetta, se ne ammira il portico ottocentesco, il campaniletto a vela e la campana, fusa nell’anno 2002, con decoro disegnato dall’artista Marco Arman. L’interno è decorato con un pregevole ciclo pittorico databile alla seconda metà del Quattrocento, realizzato da un pittore itinerante fiemmese.

Mezzi pubblici
Dalla stazione delle corriere di Trento prendere la linea B102 in direzione Cavalese (Trento - Cembra - Capriana - Cavalese) e scendere a Lisignago.
Come arrivare
Provenendo dall´autostrada A22 del Brennero, sia da sud che da nord, esci al casello di Trento nord, percorri la S.S. 12 del Brennero in direzione nord fino al bivio di Lavis, per transitare poi sulla S.S. 612 Lavis - Castello di Fiemme che conduce fino alla Valle di Cembra e poi all’abitato di Lisignago.
Dove parcheggiare
Parcheggio in prossimità della chiesa parrochiale di Lisignago (indicazione ”P” presente).

Scarpe da trekking, giacca impermeabile, bastoncini da trekking, acqua, snack e crema solare.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Lago Santo | © D. Gardener, APT Val di Fiemme
Facile
Faver, Grauno, Grumes, Valda, Cembra, Lisignago
Da Cembra al Lago Santo
Lunghezza 13,9 km
Durata 4 h 30 min
Salita 804 m
Discesa 804 m
Laghi di Lusia | © M. Vinante, APT Val di Fiemme
Medio
Predazzo
Giro dei Laghi di Lusia
Lunghezza 13,1 km
Durata 5 h 00 min
Salita 600 m
Discesa 600 m
Lago di Cece | © A. Campanile, APT Val di Fiemme
Facile
Predazzo
Lago di Cece
Lunghezza 7,0 km
Durata 3 h 00 min
Salita 380 m
Discesa 380 m
I nuovi alberi crescono spontanei vicino alle piante abbattute | © B. Crosignani, APT Val di Fiemme
Ville di Fiemme
Percorso "Bosco resiliente della tempesta Vaia"
Lunghezza 2,9 km
Durata 1 h 00 min
Salita 131 m
Discesa 131 m
Monte Cucal | © G. Zanon, APT Val di Fiemme
Facile
Tesero, Ville di Fiemme
Giro del Cucal
Lunghezza 7,4 km
Durata 3 h 20 min
Salita 500 m
Discesa 500 m
© Ufficio Turistico Altopiano di Piné e Valle di Cembra
Facile
Giovo
Sentiero del Mancabrot e del Lac de Montesel
Lunghezza 8,4 km
Durata 3 h 30 min
Salita 400 m
Discesa 400 m