CercaWebcamMeteoImpianti
Top

Cima Cauriol: un simbolo della Prima Guerra Mondiale

Ziano di Fiemme, Predazzo
Categoria
Difficoltà
Difficile
Durata
6:00
in ore
Lunghezza
14.5
in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec
Uno dei sentieri che porta a conoscere i resti della Grande Guerra con resti di trincee e baraccamenti della prima guerra mondiale. Superbo panorama sulle Dolomiti di Fassa, la Valle del Vanoi e sulla Cima d’Asta.

Fu un inverno rigidissimo quello del 1915, che vide le truppe italiane e quelle austriache fronteggiarsi nella conquista di questa vetta simbolo. Le aspre battaglie si conclusero solo nell’agosto 1916, lasciando sulle sue pendici gallerie, baracche in legno, feritoie, camminamenti, scale in pietra, postazioni per artiglieri, filo spinato e posti di guardia. E’ su questo patrimonio storico che si sviluppa l’escursione lungo la “Via austriaca”, una mulattiera sassosa a tratti rovinata dalla caduta dei massi negli anni. L’itinerario è piuttosto impegnativo e lungo, all’inizio su larghe vie che poi diventano ripidi sentieri e passaggi su rocce porfiriche cui prestare attenzione. La croce di vetta si erge tra gli enormi massi e avvallamenti creati dallo scoppio delle bombe. 

Segnaliamo la presenza di una sorgente, subito dopo il Pian delle Maddalene, a quota 1800, dove fare rifornimento di acqua.

Per i più esperti consigliamo di arrivare al Passo Sadole, seguire le indicazioni per la via italiana e, dopo aver raggiunto la cima, scendere sulla via austriaca.

Ulteriori informazioni e link utili

APT Val di Fiemme - Tel. +39 0462 241111 - info@visitfiemme.it - www.visitfiemme.it   

Dati percorso
Difficile
Lunghezza
14,5 km
Durata
6 h 00 min
Salita
990 m
Discesa
990 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
2.434 m
Punto più basso
1.497 m
Consiglio dell'autore
Per apprezzare appieno l’escursione e il patrimonio storico che custodisce, sarebbe indicato documentarsi prima della partenza sulle vicende belliche che l’hanno resa protagonista. 
Indicazioni sulla sicurezza

LE 10 REGOLE PER GLI ESCURSIONISTI

  1. Studiate e preparate bene il vostro itinerario
  2. Scegliete un percorso adatto alla vostra condizione fisica
  3. Portate vestiti ed attrezzatura idonei
  4. Consultate il bollettino metereologico
  5. Partire da soli è rischioso, portate con voi il cellulare
  6. Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  7. Se non siete sicuri, non esitate ad affidarvi ad un professionista
  8. Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  9. In caso di stanchezza o di problemi, non esitate a tornare sui vostri passi
  10. In caso di incidente chiamate il numero 112

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Punto di partenza
Rifugio Cauriol (Val di Sadole)
Indicazioni

Dal Rifugio Cauriol imboccare la strada forestale n° 320 che poi si trasforma in mulattiera e sentiero in direzione Passo Sadole. Prima di raggiungere il passo seguire le indicazioni per la Via Austriaca che porta sulla cima del Monte Cauriol (2.494 m).

La discesa avviene sullo stesso sentiero che riporta al Passo Sadole, per poi rientrare al Rifugio Cauriol.


Il massiccio è famoso per le tristi vicende belliche che l'hanno visto protagonista durante il primo conflitto mondiale (1915-1918) tra l'esercito italiano e quello austro-ungarico. In seguito ai pesanti bombardamenti la cima della montagna si abbassò di ben 6 metri rispetto all'altezza precedente la guerra.

Come arrivare
Da Ziano di Fiemme imboccare la strada che porta a Sadole.
Dove parcheggiare
Appena prima del Rifugio Cauriol (luglio e agosto 400 prima del rifugio).
Scarpe da trekking, giacca impermeabile, bastoncini da trekking, acqua, crema solare.
Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Monte Cucal | © G. Zanon, APT Val di Fiemme
Facile
Tesero, Ville di Fiemme
Giro del Cucal
Lunghezza 7,4 km
Durata 3 h 20 min
Salita 500 m
Discesa 500 m
Lago Santo | © D. Gardener, APT Val di Fiemme
Facile
Faver, Grauno, Grumes, Valda, Cembra, Lisignago
Da Cembra al Lago Santo
Lunghezza 13,9 km
Durata 4 h 30 min
Salita 804 m
Discesa 804 m
Bait de le Vache | © N. Delvai, APT Val di Fiemme
Medio
Predazzo
Monte Mulat da Zaluna
Lunghezza 9,4 km
Durata 4 h 00 min
Salita 900 m
Discesa 900 m
Malga Monte Corno | © N. Delvai, APT Val di Fiemme
Medio
Capriana, Castello-Molina di Fiemme
Malga Monte Corno
Lunghezza 10,4 km
Durata 4 h 00 min
Salita 500 m
Discesa 500 m
© Silvia Svaldi, APT Trento
Facile
Faver, Grauno, Grumes, Valda
Monte dell'Orso - Laghetto Vedes
Lunghezza 16,7 km
Durata 5 h 30 min
Salita 942 m
Discesa 942 m
Una piramide solitaria lungo il percorso | © Paolo Piffer, Rete di Riserve Val di Cembra Avisio
Facile
Segonzano
Il sentiero delle Piramidi di Segonzano
Lunghezza 3,9 km
Durata 2 h 30 min
Salita 300 m
Discesa 300 m