CercaWebcamMeteoImpianti
Top

Il Sentiero dei vecchi mestieri - da Sover

Sover
Categoria
Difficoltà
Facile
Durata
3:30
in ore
Lunghezza
7.8
in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Antichi masi, calcare, castagni secolari e il selvaggio Avisio come protagonista indiscusso di un percorso incredibilmente ricco

L'itinerario percorre il tratto del sentiero etnografico "Sentiero dei vecchi mestieri" sul versante orografico sinistro della valle di Cembra.

Parte dal centro del paese di Sover e, appena fuori dall'abitato, imbocca una comoda strada che presto diventa sentiero e ci conduce alla frazione di Piscine; da qui, il sentiero scende alla SP 71, la attraversa, e imbocca una mulattiera selciata che scende ripidamente verso valle. Poco più avanti, ci attende il "Castegnar de la paia", un maestoso castagno che porta sulle spalle oltre 400 primavere.

Continuando a scendere verso il torrente Avisio raggiungiamo un gruppo di splendide antiche case rurali, alcune delle quali ristrutturate con grande cura e rispetto dell'architettura tradizionale: siamo al Maso Pianaci.

Il nostro sentiero continua la discesa, supera le calcare Vettori, utilizzate fino alla metà del secolo scorso per la lavorazione della calce, e prosegue nel bosco costeggiando il torrente Avisio, che scorre in mezzo alla valle tra spettacolari rocce a strapiombo.

Arriviamo al Castelir, un maso dalle dimensioni notevoli, posto in riva al torrente Avisio. Oggi in rovina, un tempo era centro animato di vita, lavoro, socialità. 

Da qui il nostro sentiero prosegue su passerelle di metallo ancorate alla roccia e poi sul greto dell’Avisio e nel bosco finché il panorama si apre, sorprendentemente, sull'ampia radura che ospita la località Molini di Sover: un grumo di case poste a pochi metri dal Pont de La Rio. Risaliamo quindi verso Sover, su una bella strada di ciottoli levigati dal tempo.

Dati percorso
Facile
Lunghezza
7,8 km
Durata
3 h 30 min
Salita
450 m
Discesa
450 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
978 m
Punto più basso
597 m
Consiglio dell'autore

Il tratto di sentiero tra il Castellir e i Molini di Sover passa nell'alveo del torrente Avisio. In caso di forti pioggie o piene del torrente questo tratto potrebbe non essere percorribile. Nel caso in cui il sentiero non fosse transitabile dal Castellir è possibile imboccare una deviazione che sale direttamente a Sover attraverso antichi terrazzamenti oggi invasi dal bosco.

Indicazioni sulla sicurezza

Sebbene il percorso non presenti particolari difficoltà di tipo tecnico né tratti pericolosi, consigliamo sempre e in ogni caso di rispettare le generali norme di sicurezza per le escursioni in montagna.

Le informazioni contenute in questa scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche. 

  •  Preparate il vostro itinerario
  • Scegliete un percorso adatto alla vostra preparazione
  • Scegliete equipaggiamento e attrezzatura idonei
  • Consultate i bollettini meteorologici
  • Partire da soli è più rischioso
  • Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  • Non esitate ad affidarvi ad un professionista
  • Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  • Non esitate a tornare sui vostri passi
  • In caso di incidente date l’allarme chiamando il numero 112
Punto di partenza
Sover (Municipio)
Indicazioni

Il percorso parte dal centro dell'abitato di Sover, nei pressi del Municipio dove si trova un comodo parcheggio dove lasciare la macchina.

Procedendo verso nord, si oltrepassa la chiesa di San Lorenzo e salendo attraverso i vicoli del paese si lascia l'abitato per imboccare una comoda strada che presto diventa sentiero e che conduce alla frazione di Piscine. Appena entrati nella frazione di Piscine il sentiero scende alla SP 71, la attraversa, e imbocca una mulattiera selciata che scende ripidamente verso valle. 

Continuando a scendere verso il torrente Avisio si raggiunge un gruppo di splendide antiche case rurali, alcune delle quali ristrutturate con grande cura e rispetto dell'architettura tradizionale: siamo al Maso Pianaci. Il sentiero continua la discesa, costeggia le calcare Vettori, utilizzate fino alla metà del secolo scorso per la lavorazione della calce, e prosegue nel bosco costeggiando il torrente Avisio, che scorre in mezzo alla valle tra spettacolari rocce a strapiombo. Si arriva quindi al Castelir, un maso dalle dimensioni notevoli, posto in riva al torrente Avisio. Da qui il sentiero prosegue su passerelle di metallo ancorate alla roccia poi sul greto dell’Avisioe di nuovo nel bosco fino a raggiungere la località Molini di Sover: un grumo di case poste a pochi metri dal Pont de La Rio. Attraversando la piccola frazione imbocchiamo l'antica strada selciata che risale con regolarità verso Sover.

Come arrivare

All'ingresso sud del paese di Sover (verso Segonzano) prendiamo il bivio che ci porta, dopo circa un centinaio di metri, al Municipio di Sover e al relativo parcheggio.

Dove parcheggiare

Parcheggio pubblico in Piazza San Lorenzo (nei pressi del municipio)

  • Scarpe da trekking o scarponcini da montagna
  • Bastoncini da trekking
Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
La cava delle bore di Valfloriana | © Elisa Travaglia, Rete di Riserve Val di Cembra Avisio
Sover, Valfloriana
Voci dal bosco
Lunghezza 10,8 km
Durata 4 h 00 min
Salita 550 m
Discesa 550 m
Le scritte dei pastori | © N. Delvai, APT Val di Fiemme
Facile
Tesero, Panchià
Le scritte dei pastori
Lunghezza 4,0 km
Durata 1 h 25 min
Salita 225 m
Discesa 225 m
Pascoli | © Staff Outdoor Val di Fiemme, APT Val di Fiemme
Facile
Ville di Fiemme
Col passeggino a Malga Gurndin e alla Baita Isi
Lunghezza 6,9 km
Durata 2 h 00 min
Salita 160 m
Discesa 160 m
Bosco di larici | © N. Delvai, APT Val di Fiemme
Facile
Ville di Fiemme
Il giro del Solombo
Lunghezza 7,3 km
Durata 2 h 30 min
Salita 190 m
Discesa 190 m
© Rete di Riserve Val di Cembra Avisio
Medio
Sover
Alpeggi alle pendici del Lagorai
Lunghezza 11,0 km
Durata 4 h 30 min
Salita 700 m
Discesa 700 m
Torre di San Valerio | © M. Morandini, APT Val di Fiemme
Facile
Cavalese
"Passi nel tempo" a Cavalese
Lunghezza 4,1 km
Durata 2 h 00 min
Salita 130 m
Discesa 130 m