CercaWebcamMeteoImpianti
Top

Giro del Latemar - Tour 930

Tesero, Predazzo
Categoria
Difficoltà
Medio
Durata
4:30
in ore
Lunghezza
42.9
in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Un itinerario completo, ricco di suggestivi panorami sulle Dolomiti del Latemar e del Catinaccio. Il passaggio vicino al cristallino Lago di Carezza, perla incastonata tra boschi di abeti, è davvero memorabile.

Il grande vantaggio di questo favoloso itinerario è dato dal fatto che gli impianti di risalita permettono di superare gran parte del dislivello. Il percorso si snoda tra pascoli alpini e graziose baite, prati e boschi rigogliosi, al cospetto di imponenti pareti dolomitiche. Da ottobre 2018 si attraversano anche ampi spazi aperti, testimonianza del passaggio della Tempesta Vaia. Il percorso si svolge parzialmente sul territorio della Provincia di Bolzano. Su quel tratto le tabelle hanno la dicitura Latemar Ronda ed il numero 354.

Attenzione: il tratto di strada forestale che da Passo Costalunga porta in discesa a Moena potrebbe essere chiuso in alcuni periodi durante l’estate 2023. Maggiori informazioni nella sezione DIREZIONI DA SEGUIRE

Ulteriori informazioni e link utili

MAGGIORI INFORMAZIONI:

APT Val di Fiemme - Tel. +39 0462 241111 - www.visitfiemme.it   

MontagnAnimata - Tel. +39 0462 884400 - www.montagnanimata.it  

Dati percorso
Medio
Lunghezza
42,9 km
Durata
4 h 30 min
Salita
350 m
Discesa
1.480 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
2.168 m
Punto più basso
1.041 m
Consiglio dell'autore

Adatto anche a E-MTB. Trasporto biciclette su cabinovia + seggiovia € 5,00.

Indicazioni sulla sicurezza

IMPORTANTE

La viabilità su tutti i percorsi è in entrambi i sensi di marcia, prestare sempre attenzione al transito di altri veicoli e alla presenza di persone. I percorsi non sono ad uso esclusivo delle MTB. Su tutti i tratti stradali il ciclista deve rispettare le regole del codice della strada analogamente agli automobilisti.

A seguito della tempesta Vaia (ottobre 2018) le strade forestali sono utilizzate da mezzi pesanti per la lavorazione ed il trasporto del legname. 

 

CODICE DI COMPORTAMENTO PER UN BIKING SOSTENIBILE 

  1. Pianificate la vostra uscita
  2. Condividete i sentieri con gli altri fruitori
  3. Date sempre la precedenza agli escursionisti a piedi
  4. Controllate la velocità in base alla vostra esperienza
  5. Percorrete lentamente i sentieri affollati, sorpassate con cortesia e rispetto
  6. Non abbandonate mai i percorsi segnalati, non percorrere sentieri chiusi
  7. Evitate i sentieri in caso di fango per non danneggiarli ulteriormente
  8. Rispettate la natura, il sentiero, le piante e gli animali
  9. Non spaventate gli animali
  10. Non abbandonate i rifiuti
  11. Rispettate la proprietà pubblica e privata
  12. Siate sempre autosufficienti
  13. Non viaggiate soli in zone isolate
  14. Lasciate impronte leggere e limitatevi a scattare foto come ricordo dell’uscita

INDOSSATE SEMPRE IL CASCO!

Le informazioni contenute in questo scheda sono soggette ad immancabili variazioni, nessuna indicazione ha quindi valore assoluto. Non è possibile evitare del tutto inesattezze o imprecisioni, in considerazione della rapidità dei cambiamenti ambientali o meteorologici che possono verificarsi. In questo senso decliniamo ogni responsabilità per eventuali cambiamenti subiti dall’utente. Si consiglia, comunque, di accertarsi, prima di effettuare un’escursione, sullo stato dei luoghi e sulle condizioni ambientali o meteorologiche. 

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Punto di partenza
Predazzo - impianti di risalita Latemar MontagnAnimata
Indicazioni

Questo percorso circolare attorno al massiccio del Latemar regala suggestivi panorami dolomitici.

Punto di partenza è Predazzo dove, grazie agli impianti di risalita (aperti da metà giugno a metà settembre), si raggiunge senza fatica Passo Feudo. Da qui ci si dirige in discesa verso Obereggen su tratti di sterrato, alternati a tratti di asfalto.

Raggiunta località Bewaller si prosegue su strada sterrata pianeggiante fino ad uno dei laghi più belli delle Alpi; il Lago di Carezza è una perla incastonata fra gli alti abeti e rispecchia nelle sue calme acque le bianche guglie del Latemar. Dal Lago di Carezza ulteriori 4 km di progressiva salita conducono a Passo Costalunga. 

Superato il passo, svoltare a destra in direzione Malga Secine e proseguire sulla strada sterrata in discesa fino a raggiungere l'abitato di Moena. Da qui imboccare la comoda pista ciclabile che in breve tempo riporta al parcheggio degli impianti di risalita di Predazzo.

 

Lungo la strada forestale che collega il Maso Bewaller con il Lago di Carezza si trovano le indicazioni per il Latemar Ronda- 354; questa variante del tour porta il biker a pedalare sotto le imponenti pareti del Catinaccio. Maggiori informazioni https://carezza.it/it/ajax-activity#5467 

 

Attenzione: il tratto di strada forestale che da Passo Costalunga porta in discesa a Moena potrebbe essere chiuso in alcuni periodi durante l’estate 2023.

In caso di chiusura, si consiglia di raggiungere la frazione di Tamion (Sèn Jan - Vigo di Fassa) seguendo la traccia di questa cartina. Da Tamion si raggiunge Larcionè e poi si scende sulla strada SS 48. Alla rotatoria prendere la seconda uscita in direzione zona industriale, alla fine del ponte svoltare leggermente a sinistra e imboccare a destra la pista ciclabile che passa leggermente più in alto. Seguire la pista ciclabile in direzione Moena e successivamente Predazzo.

Mezzi pubblici

Possibilità di raggiungere gli impianti di risalita "Latemar 2200" con gli autobus di linea "Trentino Trasporti" che da Predazzo portano a Moena e in Val di Fassa. La fermata è agli impianti di risalita.

Come arrivare

Punto di partenza sono gli impianti di risalita "Latemar 2200" situati dopo il paese Predazzo sulla strada che porta a Moena. Da qui si sale al Passo Feudo utilizzando la cabinovia e la seggiovia che sono predisposte per il trasporto delle mountain bike.

Dove parcheggiare

Numerosi parcheggi sono a disposizione alla partenza degli impianti di risalita.

Cosa portare con sè durante un escursione in bicicletta? 

  1. scorta d'acqua adeguata in base al proprio fabbisogno (considerate temperatura, possibilità di rifornimento, durata del percorso)
  2. snack (per esempio, frutta secca o barrette)
  3. giacca antivento e antipioggia
  4. maglia e calze di ricambio
  5. crema solare
  6. occhiali da sole
  7. guanti da bici
  8. mappa o dispositivo gps
  9. kit di primo soccorso
  10. kit di riparazione bici per rimediare incidenti meccanici

Lasciate sempre detto a qualcuno dove siete diretti e per quanto tempo avete previsto per la vostra escursione.

Il numero telefonico in caso di emergenza è il 112

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Lavazè | © G. Panozzo, APT Val di Fiemme
Facile
Tesero, Ville di Fiemme
Giro delle malghe sull'altopiano di Lavazè
Lunghezza 20,6 km
Durata 2 h 00 min
Salita 440 m
Discesa 440 m
© Ufficio Turistico Altopiano di Piné e Valle di Cembra
Facile
Giovo
871 - Monte Corona
Lunghezza 17,0 km
Durata 2 h 45 min
Salita 647 m
Discesa 650 m
Sul percorso | © M. Felgenhauer, APT Val di Fiemme
Difficile
Panchià, Tesero, Ziano di Fiemme, Predazzo
Tagliafuoco e Osservatorio Astronomico - Tour 936
Lunghezza 27,5 km
Durata 4 h 00 min
Salita 660 m
Discesa 660 m
Val Venegia | © G. Panozzo, APT Val di Fiemme
Medio
Predazzo
Montagna d'autore: la Val Venegia e Baita Segantini - Tour 934
Lunghezza 18,6 km
Durata 3 h 00 min
Salita 690 m
Discesa 540 m
Sul percorso | © M. Felgenhauer, APT Val di Fiemme
Facile
Predazzo
Le baite dell’Alpe Lusia nel Parco Naturale di Paneveggio - Tour 932
Lunghezza 18,4 km
Durata 3 h 30 min
Salita 390 m
Discesa 800 m
© Ufficio Turistico Altopiano di Piné e Valle di Cembra
Medio
Castello-Molina di Fiemme, Capriana, Faver, Grauno, Grumes, Valda
875 - Monte Corno
Lunghezza 24,1 km
Durata 4 h 30 min
Salita 1.289 m
Discesa 1.289 m