CercaWebcamMeteoImpianti
Top

Sentiero del Mancabrot e del Lac de Montesel

Giovo
Categoria
Difficoltà
Facile
Durata
3:30
in ore
Lunghezza
8.4
in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Percorso ricco di contenuti naturalistici, storici ed archeologici. L’itinerario si muove dalle rocce vulcaniche più antiche, i porfidi della dorsale di Mancabrot, fino alle più giovani rocce di origine marina del Monte Corona. Ritrovamenti archeologici attestano la frequentazione di questi luoghi sin dall’età del bronzo antico e la presenza di minerali di rame, piombo e argento lasciano supporre che l’estrazione di minerale sia iniziata già in età molto antica.

Lungo il sentiero sono stati individuati 13 punti di particolare interesse, le “stazioni”, in cui si possono osservare elementi importanti di carattere naturalistico, paesaggistico, storico e culturale. Tali stazioni sono indicate sul terreno da cippi in legno con numero che rimanda alle informazioni riportate sulle bacheche. Alcuni brevi tratti ripidi necessitano di un minimo di attenzione, in particolare se si procede in senso inverso a quello presentato. La bassa quota e la termofilia della stazione permettono la visita anche in gran parte della stagione invernale. E’ un percorso ad anello che inizia e termina presso il centro civico di Valternigo, nel comune di Giovo (bacheca informativa, fontana e posteggio), a circa 650 metri d’altezza.  Il sentiero, ricco di spunti di carattere naturalistico, storico ed archeologico, si sviluppa lungo i vari dossi rivestiti da pinete che compongono la dorsale del Mancabrot e raggiunge infine la piccola e suggestiva zona umida del ‘Lac de Montesel’, situata all’interno del Bosco Maric (812 m). Dallo stagno si scende alla sottostante sella del Pian del Lac, dove si trovano un’altra interessante palude, meleti e prati in cui non è raro avvistare cervi e caprioli che brucano. Attraverso un suggestivo cammino che si dipana tra le varie colture si rientra al punto di partenza. Lo sviluppo chilometrico dell’itinerario è modesto, quantificabile in circa 4,5 km, con un dislivello in salita contenuto, inferiore ai 200 metri; è quindi un tragitto adatto a molti, percorribile a passo tranquillo, tenendo conto di alcune soste ai punti informativi e panoramici, in 2-3 ore, a parte eventuali approfondimenti.

Ulteriori informazioni e link utili

Ufficio Turistico Cembra - Tel. +39 0461 683110 - info@visitvaldicembra.it – www.visitvaldicembra.it   

Dati percorso
Facile
Lunghezza
8,4 km
Durata
3 h 30 min
Salita
400 m
Discesa
400 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
896 m
Punto più basso
652 m
Indicazioni sulla sicurezza

LE 10 REGOLE PER GLI ESCURSIONISTI

  • Studiate e preparate bene il vostro itinerario
  • Scegliete un percorso adatto alla vostra condizione fisica
  • Portate vestiti ed attrezzatura idonei
  • Consultate il bollettino metereologico
  • Partire da soli è rischioso, portate con voi il cellulare
  • Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  • Se non siete sicuri, non esitate ad affidarvi ad un professionista
  • Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  • In caso di stanchezza o di problemi, non esitate a tornare sui vostri passi
  • In caso di incidente chiamate il numero 112

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Punto di partenza
Valternigo (Giovo) - dorsale del Mancabrot - Bosco Maric - “Lac de Montesel” - Pian del Lac
Indicazioni

Il percorso ha inizio presso il centro di Valternigo e segue nel suo primo tratto il sentiero naturalistico Mancabrot e Lac de Montesel attraversando all’ombra di una pineta secolare, l’intera dorsale porfirica di Mancabrot. Da questa piccola struttura intonacata di azzurro, seguendo il sentiero sulla destra, si sale sul dosso di S. Floriano dove si erge l’omonima chiesetta riferibile nell’impianto attuale al XIV-XVI sec. Ad est dell’edificio, da una balconata in legno si può apprezzare una bella panoramica sull’incisione dell’Avisio e sui terrazzi coltivati della Valle di Cembra. Proseguendo verso nord, passata la sella che ospita alcuni castagni secolari ci si inoltra nella foresta di pino nero d’Austria che occupa l’intera dorsale del Mancabrot. Il sentiero segue le ondulazioni del terreno fino alla conca che ospita il biotopo “ Lac de Montesel”. Proseguendo in direzione nord, su strada forestale, si scende dal dossone lasciando sulla destra i piccoli dossi dei Fornei e di Fogolin che ci ricordano come quest’area sia stata in passato oggetto di un intenso sfruttamento minerario per l’estrazione della galena argentifera. Abbandonato il bosco si giunge in un ampio avvallamento conosciuto come Pian del Lac, per la presenza ancor oggi di una palude con lembi di bosco idrofilo. Giunti alla strada comunale sterrata che collega Valternigo con Masen si gira a destra proseguendo in direzione di Masen. Ai più volenterosi si consiglia, una volta raggiunta La Croce delle Serre subito sopra Masen, di percorrere il sentiero botanico Mondagiò attraverso un’area interessata da una fitta rete di pozzi (cadini), riconducibili alle fasi più antiche dell’estrazione mineraria (XlI sec). Dalla Croce delle Serre seguendo la segnaletica per Monte Corona si affronta un tratto in salita lungo una mulattiera scavata in trincea e raggiunta la forestale si svolta a sinistra in direzione Ville di Giovo. La strada forestale ora scende verso l’abitato di Ville attraversando una bella faggeta. Lasciato il bosco la strada è asfaltata ed attraversa un’area coltivata a vigneto con impianti di Müller Thurgau, che in questa regione rappresentano il limite di altitudine di coltivazione della vite (700-750 m). Raggiunto l’abitato, si attraversa il nucleo storico passando accanto all’antica torre del Castello della Rosa. La torre alta 24 metri è formata da cinque piani e risale al secolo XIV. Lasciato il Castello della Rosa, si prosegue verso est seguendo la strada agricola che scende sul Rio dei Molini ed attraversato il suo corso, si risale il versante coltivato a frutteto e vigneto fino a raggiungere il terrazzo panoramico in loc. Mur. Il tracciato si sviluppa su questa dorsale, per scendere poi in direzione di Valternigo, dove si farà rientro al punto di partenza.

Come arrivare
Provenendo dall´autostrada A22 del Brennero, sia da sud che da nord, esci al casello di Trento nord (distanza dal casello km 22,5), percorri la S.S. 12 del Brennero in direzione nord fino al bivio di Lavis, per transitare poi sulla S.S. 612 Lavis - Castello di Fiemme che conduce fino alla Valle di Cembra.

Scarpe da trekking, giacca impermeabile, bastoncini da trekking, acqua, snack e crema solare.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
Lago delle Buse | © A. Campanile, APT Val di Fiemme
Medio
Castello-Molina di Fiemme
Lago delle Buse
Lunghezza 11,5 km
Durata 5 h 00 min
Salita 650 m
Discesa 650 m
Sul percorso | © orlerimages.com, APT Val di Fiemme
Medio
Predazzo
Passo Feudo - Gardonè
Lunghezza 7,3 km
Durata 3 h 00 min
Salita 150 m
Discesa 675 m
Cristo Pensante al tramonto | © Staff Outdoor Val di Fiemme, APT Val di Fiemme
Medio
Predazzo
Cristo Pensante
Lunghezza 10,8 km
Durata 4 h 00 min
Salita 500 m
Discesa 500 m
© Ufficio Turistico Altopiano di Piné e Valle di Cembra
Facile
Segonzano
Sentiero di Segonzano
Lunghezza 13,9 km
Durata 5 h 00 min
Salita 729 m
Discesa 729 m
Mucche e Pale di San Martino | © D. Gardener, APT Val di Fiemme
Medio
Predazzo
Lago Juribrutto
Lunghezza 6,8 km
Durata 3 h 30 min
Salita 470 m
Discesa 470 m
Baita Armentagiola | © S. De Marco, APT Val di Fiemme
Medio
Panchià, Tesero
Giro del Monte Cornon
Lunghezza 7,7 km
Durata 3 h 30 min
Salita 340 m
Discesa 340 m