CercaWebcamMeteoImpianti
Top

Trekking degli antichi laghi - 3° giorno

Capriana
Categoria
Difficoltà
Medio
Durata
5:06
in ore
Lunghezza
12.7
in km
Periodo consigliato
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dec

Trekking tra i silenziosi boschi e le preziose riserve dell’Alta Val di Cembra e del Parco del Monte Corno. Immergersi in un ambiente ancora integro da scoprire.

Il cammino proposto porta al cospetto di qualcosa di particolare, di insolito. Non incontrerete torri di roccia o cime inviolate, bensì qualcosa di più piccolo e forse meno appariscente, ma altrettanto prezioso. Sarete sempre circondati dalle foreste che separano la valle dell'Adige dalla Val di Cembra, una zona a cavallo fra due mondi già in epoca romana, e incontrerete testimoni del passato e del presente di questa montagna. Primi fra tutti: le torbiere, antichi laghi di origine glaciale dove la torba ha ridotto progressivamente la superficie dell’acqua, creando un ambiente incredibilmente favorevole alla biodiversità. In più, roccoli, mulini e cippi di confine che narrano vicende dimenticate. A fine giornata, troverete il caldo del rifugio o della malga: un piatto di zuppa e un bicchiere di vino aiuteranno a ricordare allegramente quanto accaduto oggi e a sognare la tappa di domani.

 

Il trekking è parte di un circuito più ampio di 3 giorni di durata (vedi tappa 1 e 2).

 

Itinerario pensato e realizzato dalla Sviluppo Turistico Grumes in collaborazione con la Rete di Riserve Valle di Cembra - Avisio, il Parco naturale del Monte Corno, i soggetti di promozione turistica e numerosi operatori privati.

Ulteriori informazioni e link utili
Dati percorso
Medio
Lunghezza
12,7 km
Durata
5 h 06 min
Salita
256 m
Discesa
1.413 m
Tecnica
Impegno fisico
Paesaggio
Punto più alto
1.726 m
Punto più basso
510 m
Consiglio dell'autore

Il Parco Naturale del Monte Corno, istituito nel 1980 e successivamente ampliato nel 2000, si estende su una superficie di 6.851 ettari suddivisa tra i comuni di Anterivo, Egna, Montagna, Salorno e Trodena.

Indicazioni sulla sicurezza

LE 10 REGOLE PER GLI ESCURSIONISTI

  • Studiate e preparate bene il vostro itinerario
  • Scegliete un percorso adatto alla vostra condizione fisica
  • Portate vestiti ed attrezzatura idonei
  • Consultate il bollettino metereologico
  • Partire da soli è rischioso, portate con voi il cellulare
  • Lasciate informazioni sul vostro itinerario e sull’orario approssimativo di rientro
  • Se non siete sicuri, non esitate ad affidarvi ad un professionista
  • Fate attenzione alle indicazioni e alla segnaletica che trovate sul percorso
  • In caso di stanchezza o di problemi, non esitate a tornare sui vostri passi
  • In caso di incidente chiamate il numero 112

Come immaginerai, la percorribilità degli itinerari in un ambiente montano è strettamente legata alle condizioni contingenti e dipende quindi da fenomeni naturali, cambiamenti ambientali e condizioni meteo. Per questo motivo, le informazioni contenute in questa scheda potrebbero aver subito variazioni. Prima di partire, informati sullo stato del percorso contattando il gestore dei rifugi sul tuo percorso, le guide alpine, i centri visitatori dei parchi naturali e gli uffici turistici.

Punto di partenza
Malga Corno
Indicazioni

TAPPA 3 (Da Malga Corno a Pochi di Salorno)

Dietro la malga si prende il sentiero n. 9 per Hackelboden – Casignano che passa sotto la cima del Monte Corno (m.1781). Attraversando la Selva di Casignano si scende prima su strada e poi su sentiero (n. 9) ben segnato che scende a zigzag incrociando più volte la strada bianca. Si raggiunge una strada pianeggiante che, imboccata verso sinistra, porta dopo 100 metri alla baita Hackelboden. Dietro la baita il sentiero (n.9) scende fino alla strada forestale, dove volta a sinistra. Si raggiunge un bivio e, seguendo la strada a sinistra che sale decisa, ci si dirige verso passo Cauria. Dal passo si scende in 20 minuti a Cauria su strada (n.4). Poco prima dell’abitato, sulla destra, si scende per sentiero (2-7-8) fino alla strada Provinciale e poco oltre lo slargo, sulla destra, si prende la strada forestale con indicazione Laghetti (sentiero n. 7). Si scende e ci si infila in una valletta profonda. Si resta fedeli ai cartelli per Laghetti fino a che la strada, su un pezzo asfaltato dopo loc. Le Seghe, si innesta al tornante all’altezza di un ponte in pietra (ponte romano). A sinistra, sul Sentiero del Dürer (Dürerweg), che sale dal Kloesterle di Laghetti, si arriva ai Pochi di Salorno.

Mezzi pubblici
Tutte le informazioni sul sito di  SAD (trasporti Provincia di Bolzano): https://www.sad.it/it  e Trentino Trasporti (trasporti Provincia di Trento): https://www.trentinotrasporti.it/

Scarpe da trekking, giacca impermeabile, bastoncini da trekking, acqua, snack e crema solare.

Potrebbe interessarti anche...
Scopri i tour correlati
© Alessandro Cristofoletti, APT Trento
Medio
Capriana, Faver, Grauno, Grumes, Valda
Trekking degli antichi laghi - 2° giorno
Lunghezza 12,1 km
Durata 4 h 15 min
Salita 385 m
Discesa 216 m
Lago delle Buse | © A. Campanile, APT Val di Fiemme
Medio
Castello-Molina di Fiemme
Lago delle Buse
Lunghezza 11,5 km
Durata 5 h 00 min
Salita 650 m
Discesa 650 m
Rifugio Lusia | © A. Campanile, APT Val di Fiemme
Medio
Predazzo
Passo Lusia
Lunghezza 9,3 km
Durata 3 h 30 min
Salita 510 m
Discesa 510 m
Panorama sulla campagna di Segonzano e sulla Val di Cembra | © Elisa Travaglia, Rete di Riserve Val di Cembra Avisio
Facile
Segonzano
Il Castello di Segonzano e il canyon del Prà
Lunghezza 6,1 km
Durata 3 h 30 min
Salita 300 m
Discesa 300 m
La cima Cauriol | © A. Campanile, APT Val di Fiemme
Difficile
Ziano di Fiemme, Predazzo
Cima Cauriol: un simbolo della Prima Guerra Mondiale
Lunghezza 14,5 km
Durata 6 h 00 min
Salita 990 m
Discesa 990 m
Lago delle Trote | © orlerimages.com, APT Val di Fiemme
Medio
Predazzo
I Tre laghi
Lunghezza 11,1 km
Durata 5 h 30 min
Salita 890 m
Discesa 890 m